EMERGENZA CORONAVIRUS
Gli Ospedali San Donato di Arezzo, Misericordia di Grosseto e l'Azienda Ospedaliero Universitaria Senese sono "Ospedali Covid", ovvero dedicati alla presa in carico, attraverso il ricovero, di pazienti risultati positivi al tampone con sintomatologia grave e che necessitano di assistenza medica e infermieristica continua.

Al fine di separare il percorso per la cura del coronavirus dagli altri percorsi di cura ospdalieri, a tutela dei pazienti e degli operatori, le altre attività di norma svolte da questi ospedali sono state dirottate altre strutture, come di seguito riportato.

Arezzo

  • attività di chirurgia generale e specialistica, programmata e in urgenza: Centro Chirurgico Toscano
  • traumatologia minore, ortopedia oncologica, : Clinica San Giuseppe Hospital
  • attività oncologica, ematologia: palazzina Calcit (accanto Ospedale San Donato)
  • Hospice e Scudo (assistenza oncologica) Pescaiola struttura Koinè
  • traumatologia ortopedica maggiore, radioterapia: Ospedale La Gruccia di Montevarchi
  • endoscopia e dermatologia: Ospedale Valtiberina di Sansepolcro
  • urgenze oculistiche: Ospedale La Fratta di Cortona e Ospedale Valtiberina di Sansepolcro

Grosseto

  • chirurgia oncologica (urologica, generale, ginecologica, otorinolaringoiatrica), chirurgia oculistica di urgenza, traumatologia ortopedica e tutta l'attività in urgenza: Ospedale San Giovanni di Dio di Orbetello
  • chirurgia senologica oncologica, dermatologia oncologica: Ospedale Sant'Andrea di Massa Marittima


In seguito alle norme nazionali e regionali relative all’emergenza per la diffusione del Coronavirus, nei 13 gli ospedali della Rete dell'Azienda Usl Toscana Sud Est sono state messe in opera le seguenti modifiche organizzative.

  • I check point agli ingressi degli ospedali rimangono attivi dalle ore 7:00 alle ore 20:00, mentre dalle 20:00 fino alle ore 7:00 saranno chiusi gli accessi principali.
    All'interno dei check point è vietato l'accesso a tutti i visitatori e pazienti ambulatoriali che presentano sintomi simil influenzali, quali rinite, tosse, rialzo febbrile, difficoltà respiratoria. I pazienti con sintomatologia simil influenzale sono indirizzati presso il pre-triage, anche quando il quadro epidemiologico non è correlabile con la definizione di caso sospetto.
  • In ognuno dei tredici ospedali dell'Azienda Usl Toscana Sud Est non è possibile accedere al Pronto Soccorso, tranne attraverso il pre-triage. Gli eventuali altri accessi al Prono Soccorso sono chiusi, con eventuale possibilità per il paziente che si auto presenta di comunicare con il personale sanitario tramite citofono o videocitofono.
  • Al fine di consentire la riduzione delle presenze nelle strutture ospedaliere e la disponibilità dei letti di degenza e di area critica, è sospesa, fino a data da destinarsi, tutta l'attività chirurgica elettiva (interventi programmati) ad esclusione dell'attività oncologica in classe A e l'emergenza/urgenza. Viene sospesa anche l'attività chirurgica elettiva in libera professione.
  • Sono inoltre sospese:
    • le visite ambulatoriali programmate, anche chirurgiche, sia in regime istituzionale sia libero professionale;
    • le prestazioni diagnostiche.
  • L'attività ambulatoriale programmata individuata come indispensabile dallo specialista di riferimento è mantenuta.
  • L’accesso alle attività non sospese è frazionato e attuato con il corretto utilizzo delle sale di attesa che consenta il mantenimento delle corrette distanze di sicurezza (almeno 1 metro).
  • I servizi non ospedalieri eventualmente presenti negli ospedali (Ospedale di Comunità, Hospice, Riabilitazione Consultori, Case della salute, Centri vaccinali, ecc.) adottano gli stessi criteri generali previsti per la parte ospedaliera.
  • I referti ambulatoriali, radiologici e di laboratorio vengono inviati al domicilio del paziente, al fine di limitare gli accessi agli ospedali.
  • L'attività ambulatoriale pediatrica, data la peculiarità dell'utenza, è mantenuta limitando l'accesso e modificando le modalità di accesso stesso e comunque secondo valutazione dello specialista.


Gli ospedali e la rete ospedaliera dell’Azienda USL Toscana sud est

Il Presidio Ospedaliero di zona costituisce la struttura dell’azienda che eroga prestazioni specialistiche ambulatoriali e di ricovero, attraverso una presa in carico multi-professionale del paziente.

Per lo svolgimento delle proprie attività il Presidio Ospedaliero è articolato in Aree, con gli spazi, le tecnologie e i posti letto organizzati per omogenee esigenze assistenziali, intensità di cura, durata della degenza e regime di ricovero.

Ogni Presidio Ospedaliero ha un Direttore.

L’insieme dei Presidi Ospedalieri costituisce la Rete Ospedaliera aziendale che ha lo scopo di garantire l’equità di accesso ai servizi, il coordinamento e l’integrazione tra le strutture, l’unitarietà di gestione e l’omogeneità dei percorsi assistenziali.

La programmazione della Rete Ospedaliera aziendale si integra con la corrispondente programmazione di Area Vasta e quindi con il presidio ospedaliero universitario che per l’Usl Toscana sud est è l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese.

Direttore rete ospedaliera: dott.ssa Monica Calamai

Alcuni ospedali della rete aziendale aderiscono alle iniziative promosse dall'osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere - Bollini Rosa