Criteri di accesso negli Ospedali - misure per il contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19

Al fine di tutelare pazienti e personale delle strutture sanitarie dal rischio di trasmissione di SARS CoV-2, alla luce delle nuove indicazioni legislative che di fatto non esplicitano più l'obbligo di verifica della certificazione verde attraverso lo strumento dei check point, vengono aggiornate le disposizioni relative all'accesso e alla permanenza di accompagnatori, visitatori e parenti nella seguente modalità.

1. L'accesso deve avvenire nel rispetto delle misure igienico-sanitarie di carattere generale per la prevenzione e il controllo della trasmissione di SARS-CoV-2: autorilevazione della temperatura (non superiore a 37,5 °C), messa a disposizione all’ingresso di flaconi con gel per l’igiene delle mani, utilizzo della mascherina (raccomandata FFP2), possesso della certificazione verde secondo le modalità indicate dalla normativa vigente.

2. I presidi ospedalieri e territoriali sono tenuti ad adottare tutte le misure necessarie a tutelare la salute degli ospiti e del personale pur garantendo l'accesso di visitatori e parenti alla struttura di degenza per un periodo non inferiore a 45 minuti.

3. L'accesso è consentito solo a coloro che sono in possesso di:
- ciclo vaccinale primario e tampone negativo
- guarigione e tampone negativo
- richiamo vaccinale (terza dose)

4. La permanenza degli accompagnatori dei pazienti non affetti da Covid 19 nelle sale di attesa dei dipartimenti di emergenza e accettazione, nei reparti di Pronto Soccorso e nei reparti delle strutture ospedaliere dei centri diagnosticie e dei poliambulatori specialistici non è permesso a chi è sprovvisto di green pass (necessario green pass base o rafforzato).

5. I pazienti accedono, senza obbligo di esibire la certificazione verde, alle prestazioni di ricovero attraverso il percorso della chirurgia programmata o attraverso un accesso al Pronto Soccorso e alle prestazioni ambulatoriali tramite prenotazione da CUP su specifica richiesta del MMG/Specialista.

6. Gli utenti accedono senza obbligo di esibire la certificazione verde per usufruire dei servizi (es. ritiro farmaci/presidi, ritiro referti, prenotazioni al CUP, accesso al punto prelievi).

7. I donatori di sangue entrano senza obbligo di certificazione verde.

8. Gli esercenti le professioni sanitarie e di interesse sanitario che a qualsiasi titolo prestano attività presso l'Azienda (dipendenti, convenzionati, interinali) e gli studenti tirocinanti accedono al luogo di lavoro nel rispetto della normativa sull’obbligo vaccinale e sono soggetti a controlli secondo le modalità stabilite dalla normativa di riferimento e dalle procedure aziendali in vigore.

9. Gli operatori non sanitari, sia dipendenti che non dipendenti dell’Azienda (es. fornitori, ditte appaltatrici di servizi), sono assoggettati alla normativa vigente.

Tali disposizioni valgono anche per gli accessi alle strutture territoriali ai quali si accede attraverso l'ingresso dell’Ospedale (strutture riabilitative, Cure Intermedie-ModiCa, SPDC) per i quali è previsto il possesso di “Green Pass rafforzato” oppure di “Green Pass base”, più una certificazione che attesti l'esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare eseguito nelle 48 ore precedenti. Le modalità di accesso agli Hospice sono descritte nella procedura di accesso alle strutture sul territorio.

Il controllo delle corrette modalità di accesso e permanenza sarà effettuato dal personale individuato dalle DMPO che eseguirà su un campione rappresentativo in base alla tipologia/dimensioni della Struttura.




Zona Colline dell'Albegna - Località La Madonnella - Orbetello

Direttore Presidio Ospedaliero Aziedale: Lidia Di Stefano

Direttore Dipartimento Infermieristico Ostetrico: Vianella Agostinelli

Direttore Dipartimento Tecnico Sanitario: Daniela Cardelli

Centralino: 0564 869111

Segreteria Direzione: 0564 869288  -  0564 869321  -  0564 869118

Segreteria Responsabile infermieristico: 0564 869234  -  0564 869061


L’ospedale San Giovanni di Dio di Orbetello fa parte della rete ospedaliera dell’Azienda USL Toscana sud est.

Nell'ospedale San Giovanni è superato il concetto di reparto tradizionale; le strutture di degenza sono organizzate per aree funzionali a diversa intensità di cura.
Ne deriva che la risposta non è gestita all’interno del tradizionale “reparto” strutturato per singola branca specialistica, ma è organizzato in setting (moduli di degenza) in cui ricevere un’assistenza più personalizzata alle diverse complessità della patologia.

Nel Presidio Ospedaliero vengono erogate anche prestazioni specialistiche, diagnostiche e terapeutiche e piccoli interventi ambulatoriali.
L’accesso alle attività ambulatoriali e diagnostiche del Presidio è garantito mediante prenotazione tramite CUP – Centro Unico di Prenotazione


Orario di accesso

L'accesso ai servizi è consentito in alcune fasce orarie rese note con apposita cartellonistica.

Al piano terra è situata la portineria: un servizio di prima accoglienza per orientarsi all’interno del Presidio e per fornire informazioni utili, mentre il punto URP è situato presso la Direzione medica del presidio.

Fornitura di farmaci e presidi


Portineria: 0564 869111

Ufficio Relazioni con il Pubblico: 0564 869240

Ufficio Cartelle Cliniche: 0564 869218

A.I.U.T.O. Point (Assistenza, Informazione, Urgenze nel Trattamento Oncologico) vedi percorso oncologico

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE RICOVERATO E I SUOI FAMILIARI

Allegati: