L'accesso civico generalizzato (noto anche come FOIA) concerne dati, documenti e informazioni - di INTERESSE GENERALE - ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria ed è stato introdotto  dal D. Lgs. 97/2016.

Disciplinato al comma 2 dell’art. 5 del D.Lgs. 33/2013, come  modificato dal soprarichiamato decreto 97,  che così recita: Allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico, chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione ai sensi del presente decreto, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi giuridicamente rilevanti secondo quanto previsto dall'articolo 5-bis” consente a chiunque di  conoscere dati e documenti in relazione ai quali, pur non sussistendo alcun obbligo di pubblicazione in capo alla Pubblica Amministrazione, il privato manifesti apposita istanza di accesso,  fermi restando i limiti espressamente sanciti dal successivo art. 5 bis 

Chi può presentare l’istanza di accesso civico generalizzato e cosa deve indicare
Chiunque può formulare, al Responsabile della Trasparenza, l'istanza in quanto l’accesso civico generalizzato non è sottoposto ad alcuna limitazione soggettiva del richiedente.
Non è inoltre necessario fornire alcuna motivazione per presentare l’istanza, ma è richiesto di identificare i dati, le informazioni o i documenti che si intendono visionare o dei quali ottenere copia. Ciò vuol dire che eventuali richieste di accesso civico generalizzato saranno ritenute inammissibili laddove l’oggetto dell'istanza sia indeterminato e tale da non permettere di identificare la documentazione richiesta, oppure laddove la stessa istanza risulti manifestamente irragionevole. L'amministrazione infatti, per espressa previsione normativa, non è tenuta ad elaborazioni o formazione di dati e documenti che non siano già in suo possesso. Nel contesto comunque di un dialogo collaborativo con i cittadini e gli utenti l'Azienda USL toscana sud est orienterà il richiedente nella formulazione di istanze che, recando i necessari elementi,  possano essere compiutamente accolte.  Il rilascio della documentazione è condizionato al rimborso dei costi sostenuti e documentati dall'amministrazione.

E' possibile utilizzare questo modello per la presentazione dell’istanza ai sensi dell’art. 5 del D. Lgs. n. 33/2013. Per ulteriori informazioni consultare il Regolamento (seconda parte dedicata all'accesso civico)