AREZZO – “Nessuna convenzione con il privato per gli interventi programmati e sale chirurgiche che lavorano quotidianamente al San Donato”.
E’ la risposta della Direzione Asl alla nota allarmistica diffusa da Fratelli d’Italia. Nessuno spreco dunque di soldi pubblici né sottoutilizzo delle sale operatorie, “stiamo lavorando come da tabella di marcia” sottolinea la Direzione.
“La questione degli anestesisti – conclude – è purtroppo conosciuta da tempo ma è un problema nazionale. Come Azienda, stiamo procedendo tramite concorsi e assunzioni. Facciamo e faremo tutto il possibile per garantire le attività che ruotano intorno alle sale operatorie”.