Comunicazione tempestiva data al Comune di Arezzo. Prelievi a domicilio su prescrizione del medico di base

Il punto prelievi di Quarata è stato chiuso nel mese di marzo a causa dell'emergenza Covid. Al Comune di Arezzo ne era stata data tempestiva comunicazione dal Direttore di Zona Distretto e ne era stato spiegato il motivo: la centralizzazione dei prelievi era funzionale a garantire maggiore sicurezza ai cittadini. L'attività di alcuni punti prelievi, come quello di Quarata, sono stati quindi sospesi per garantire una concentrazione più efficace di risorse umane nei versanti operativi della prevenzione (tamponi/test sierologici su richiesta; monitoraggio e sorveglianza pro-attiva nelle strutture per anziani e disabili ecc.). .
Era stato chiuso quello di Quarata come quelli di altre località dove l'afflusso era basso e limitato ad alcune aperture mensili. Nessun paziente è stato lasciato senza risposta: chi ne era (ed è) nella condizioni previste, può chiedere attraverso il suo medico di medicina generale, il prelievo a casa. E di questa opportunità hanno usufruito molti cittadini del quartiere tanto che il numero dei prelievi della zona è incrementato rispetto al passato. Il punto di Quarata, infine, è distante pochi chilometri dal punto prelievo di Ceciliano, da quello in via Guadagnoli e dal punto prelievi dell'ospedale. La decisione di chiudere il centro di Quarata è stata quindi congrua sia in relazione alla distribuzione territoriale degli altri punti, sia rispetto alla esiguità delle attività pregresse, consistenti in due sedute al mese.