Le Aziende USL garantiscono il rimborso delle spese di viaggio, vitto e alloggio ai soggetti residenti in Toscana (riceventi o donatori) che si recano presso centri trapianto extraregionali per le prestazioni correlate al trapianto di organo di cui all'art. 2 comma 3 della L.R. 12/2019 e che siano in possesso di uno dei requisiti previsti all'art. 3 comma 1, secondo le modalità di corresponsione di seguito descritte. Il rimborso è esteso anche alle spese sostenute da un eventuale accompagnatore per l'intera durata del soggiorno, qualora il soggetto sia minore di diciotto anni, oppure non sia autosufficiente ai sensi della normativa vigente o anche qualora la presenza di un accompagnatore sia richiesta sulla base di specifici protocolli del Centro trapianti extraregionale. Si riportano di seguito le indicazioni di interesse specifico per i vari soggetti coinvolti.

Assistito (RICEVENTE) Spese rimborsabili
modello domanda ricevente

Il rimborso riguarda le spese di vitto, alloggio e viaggio sostenute dal paziente e dall’eventuale accompagnatore in occasione delle seguenti prestazioni:
a) visita di valutazione per inserimento in lista di attesa per trapianto di organo, esami preliminari, tipizzazione;
b) visita di controllo per il mantenimento in lista di attesa, procedure diagnostiche e chirurgiche in previsione del trapianto;
c) intervento di trapianto o di re-trapianto;
d) ricovero per complicanze post trapianto;
e) controlli post trapianto.

Presentazione della domanda

La domanda di rimborso può essere presentata dal diretto interessato, o dal tutore legale per conto del paziente minore o del soggetto sottoposto a tutela. Deve essere presentata all'Azienda Usl di residenza del paziente, entro sei mesi dalla erogazione delle prestazioni previste all'art. 2 comma 3 della L.R.12/2019, pena la decadenza del diritto al rimborso. La domanda può essere consegnata direttamente agli uffici protocollo aziendali o inviata per posta ordinaria

Attestazione delle condizioni necessarie per avere diritto al rimborso

La richiesta deve contenere l’indicazione dei dati anagrafici del paziente e dell'eventuale accompagnatore e riportare il Centro extraregionale presso il quale sono state erogate le prestazioni e la relativa data. Deve essere indicata la fascia di reddito annuo del nucleo familiare ai fini IRPEF o il valore ISEE. Tale indicazione non è necessaria se la richiesta è presentata per soggetti minorenni. Nella richiesta deve inoltre essere specificato quale condizione ricorra fraquelle previste dall'art. 3 comma 1 della L.R. 12/2019, ed in particolare:
- qualora la prestazione non sia erogabile in Regione Toscana per assenza di specifico programma di trapianto (condizione di cui allalettera a), dovrà essere indicato il programma di trapianto extra regionale che permette l’esecuzione delle prestazioni non erogabili in Regione Toscana;
- qualora il paziente sia stato iscritto in una lista di attesa regionale per un tempo superiore allo standard* (condizione di cui alla lettera b), dovrà essere indicato il Centro regionale presso il quale l’assistito risulta iscritto in lista di attesa e la relativa data di iscrizione;
- qualora il paziente, già iscritto in lista regionale per trapianto renale, usufruisca della possibilità di effettuare la seconda iscrizione in altra lista extra regionale (condizione di cui alla lettera c), dovranno essere indicati sia il Centro regionale che il Centro extraregionale presso il quale l'assistito risulta essere iscritto o aver intrapreso il percorso per l'iscrizione in lista di attesa per il trapianto di rene;
- qualora il paziente sia stato giudicato non idoneo al trapianto presso un centro trapianti della Toscana (condizione di cui alla lettera d), dovrà essere prodotta la relativa valutazione di non idoneità;
- qualora il paziente minore di età sia già iscritto nella lista nazionale pediatrica o abbia intrapreso il percorso finalizzato a tale iscrizione, (condizione di cui alla lettera e), dovrà essere indicato il Centro extraregionale presso il quale è stato intrapreso il percorso.

* I tempi di attesa da considerarsi come standard di riferimento sono, in analogia con quanto previsto per l’iscrizione in lista per trapianto all’estero,quelli riportati in allegato.


Documentazione da allegare alla domanda

Documentazione sanitaria

- documentazione rilasciata dal Centro trapianti extra regionale certificante le prestazioni eseguite, comprensiva della relazione clinicae del piano di cura;
- eventuale certificazione del Centro trapianti extraregionale che, sulla base di specifico protocollo del Centro, attesti la necessità di sanificare,dopo l'avvenuto trapianto, l'alloggio di temporanea permanenza del paziente fuori regione;
- eventuale valutazione clinica di non idoneità all'inserimento in lista di attesa da parte di uno dei Centri trapianto regionali.

Documentazione non sanitaria

- documentazione relativa alle spese di viaggio in occasione di specifica prestazione documentata:
° titoli di viaggio (biglietto ferroviario o aereo contenenti l'indicazione della data e del prezzo e, relativamente al biglietto aereo, la carta d’imbarco). Nel valore massimo di 150 € a tratta a persona previsto all'art. 2 della L.R. 12/2019 si intende compreso anche il rimborso delle spese per l’utilizzo di mezzi di trasporto di linea urbani, extraurbani o taxi.
° nel caso di utilizzo dell'automezzo privato, dichiarazione dei chilometri percorsi, specificando data del viaggio, località di partenza e di destinazione, ed allegando eventuali ricevute di pedaggi autostradali e parcheggi;

- documentazione giustificativa delle spese di vitto e alloggio, incluse eventuali spese relative alla sanificazione dell'alloggio fuori regione;

- documentazione giustificante la presenza di un accompagnatore, rappresentata da una delle certificazioni sotto specificate:
° certificazione di non autosufficienza (invalidità civile al 100% o disabilità in condizione di gravità ai sensi della Legge n. 104/1992);
° attestazione del Centro trapianti extraregionale rilasciata sulla base di specifico protocollo adottato o di specifiche indicazioni legate alla tipologia di trapianto.

Tutti i titoli di spesa (ricevute fiscali, fatture o scontrini fiscali) dovranno essere allegati in originale. Nel caso di acquisto del biglietto ferroviario o aereomediante internet, può essere presentata la stampa del biglietto elettronico. I documenti di spesa relativi all'alloggio devono essere intestati al paziente o all'accompagnatore.
__________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Assistito (DONATORE) spese rimborsabili

modello domanda del donatore

Il rimborso può riguardare le spese di vitto, alloggio e viaggio sostenute dal donatore e dall'eventuale accompagnatore in occasione delle seguenti prestazioni:
a) visita di valutazione di idoneità ed esami ad essa correlati;
b) intervento di prelievo dell'organo;
c) follow up.

La domanda di rimborso può essere presentata dal diretto interessato, o dal tutore legale per conto del paziente minore o del soggetto sottoposto a tutela. La domanda di rimborso deve riportare il Centro extraregionale presso il quale sono state erogate le prestazioni e la relativa data. Deve essere presentata all'Azienda Usl di residenza del donatore, entro sei mesi dalla erogazione delle prestazioni previste all'art. 2 comma 3 della L.R.12/2019, pena la decadenza del diritto al rimborso. Non è necessaria la dichiarazione relativa al reddito del nucleo familiare. La domanda può essere consegnata direttamente agli uffici protocollo aziendali o inviata per posta ordinaria

Documentazione da allegare alla domanda

Documentazione sanitaria
- documentazione rilasciata dal Centro trapianti extra regionale certificante le prestazioni eseguite, comprensiva della relazione clinica e del piano di cura.

Documentazione non sanitaria
- La documentazione deve essere presentata dal donatore con le stesse modalità previste per il ricevente.

__________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

ASL di residenza dell'assistito


La Azienda Sanitaria di residenza dell'assistito (ricevente o donatore):
-acquisisce la richiesta di rimborso delle spese sostenute dal medesimo e dall'accompagnatore;
-verifica, entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta, la completezza e la correttezza della documentazione allegata, richiedendo, se necessario, eventuali integrazioni;
-determina l'entità del rimborso ai sensi della L.R. 12/2019 e procede nel più breve tempo possibile, comunque entro 30 giorni dal perfezionamento della richiesta, a comunicare l'esito del procedimento, provvedendo contestualmente alla liquidazione dell'importo dovuto.

Verifica possesso requisiti
La verifica dei requisiti di cui all'art. 3 comma 1, lettere a), b), c) ed e) della L.R. 12/2019, è effettuata tramite richiesta al CRAOT - Centro Regionale di allocazione organi e tessuti, articolazione organizzativa dell'Organizzazione Toscana Trapianti (OTT) di cui alla DGR 1450/2018.

Determinazione del rimborso
L'entità del rimborso è definita ai sensi della L.R. 12/2019.
__________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________