ATTENZIONE: Pagina in continuo aggiornamento sulla base delle disposizioni normative e organizzative in vigore (vedi pagina Documentazione e Normativa ).


Quali sono le indicazioni per gli ingressi in Italia? (fonte Ministero degli Esteri)

schema sulle indicazioni per i rientri estero COVID


Rientro da Croazia Grecia Malta e Spagna
Le indicazioni sono contenute nell'Ordinanza del 12 agosto 2020.
Le persone che intendono fare ingresso nel territorio nazionale e che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato in Croazia, Grecia, Malta o Spagna devono comunicare il proprio arrivo al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria compilando il modulo autosegnalazione.
La registrazione può avvenire prima della partenza (preferibilmente) o appena arrivati in Italia. A seguito della registrazione verrà inviato all’indirizzo mail che sarà stato indicato le norme di comportamento da seguire. Il numero verde regionale 800 556060 è a disposizione per fissare la data di effettuazione del tampone.

Devono inoltre (le tre opzioni sono alternative):
1 - presentare l'attestazione di essersi sottoposti a un test molecolare o antigenico nelle 72 ore precedenti all'ingresso in Italia;
o
2 - sottoporsi a un test molecolare o antigenico, da effettuarsi con il tampone, al momento dell'arrivo in aeroporto, dove possibile;
o
3 - sottoporsi a tampone da effettuarsi presso l'azienda sanitaria di riferimento entro 48 ore dall'ingresso in Italia. Gli utenti dopo la registrazione sul modulo on line saranno contattati per l'appuntamento.
ATTENZIONE: è previsto isolamento domiciliare nel periodo che passa dal rientro all'esito del tampone.


Rientro da Romania e Bulgaria
L'Ordinanza del 24 luglio 2020 del Ministro della Salute indica che chi abbia soggiornato o transitato negli 14 giorni precedenti l'ingresso in Italia in Romania e Bulgaria, deve comunicare il proprio arrivo al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria compilando il modulo autodichiarazione e sarà sottoposto ad isolamento domiciliare di 14 giorni. La registrazione può avvenire prima della partenza (preferibilmente) o appena arrivati in Italia indicando la data precisa di rientro.

Divieto di ingresso in Italia
L'Ordinanza n.104 (GU n.178 del 16-7-2020) del Ministero della sanita all'art 1 vieta l'ingresso e il transito nel territorio nazionale alle persone che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato nei seguenti Paesi:
Armenia; Bahrein; Bangladesh; Bosnia Erzegovina; Brasile;Cile; Colombia (introdotta con ordinanza del 12/08/2020); Kosovo; Kuwait; Macedonia del Nord; Moldova; Montenegro; Oman; Panama; Peru'; Repubblica Dominicana.Serbia.
nello specifico il sito Viaggiare sicuri del Ministero degli Esteri indica:

Armenia, Bahrein, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana: da questi Paesi è ancora in vigore un divieto di ingresso in Italia, con l’eccezione dei cittadini UE (inclusi i cittadini italiani) e loro familiari che abbiano la residenza anagrafica in Italia da prima del . Gli spostamenti dall’Italia verso questi Paesi sono consentiti solo in presenza di precise motivazioni: lavoro, motivi di salute o di studio, assoluta urgenza, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Non sono quindi consentiti spostamenti per turismo. Al rientro in Italia da questi Paesi, è necessario sottoporsi ad isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria, compilare un’autodichiarazione  nella quale si deve indicare la motivazione che consente il rientro (possesso di cittadinanza UE/Schengen o condizione di familiare di cittadino UE e residenza in Italia) e si può raggiungere la propria destinazione finale in Italia solo con mezzo privato (è consentito il transito aeroportuale, senza uscire dalle zone dedicate dell’aerostazione).
Kosovo, Montenegro, Serbia: da questi Paesi è ancora in vigore un divieto di ingresso, con l’eccezione dei cittadini UE (inclusi i cittadini italiani) e loro familiari che abbiano la residenza anagrafica in Italia da prima del 16 luglio 2020. Si applicano le stesse restrizioni previste per i Paesi del paragrafo precedente (Armenia ecc…).

Ingresso da altri paesi
Chi entra o rientra in Italia da Stati diversi da Unione europea e Stati parte dell’accordo di Schengen Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord;- Andorra, Principato di Monaco;- Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano. deve compilare il modulo autosegnalazione e sarà sottoposto a sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario per 14 giorni. La registrazione può avvenire prima della partenza (preferibilmente) o appena arrivati in Italia indicando la data precisa di rientro.

Il DPCM 7 settembre 2020 introduce inoltre la possibilità di ingresso in Italia, dai Paesi dell’elenco E, per le persone che hanno una relazione affettiva comprovata e stabile (anche se non conviventi) con cittadini italiani/UE/Schengen o con persone fisiche che siano legalmente residenti in Italia (soggiornanti di lungo periodo), che debbano raggiungere l’abitazione/domicilio/residenza del partner (in Italia). All’ingresso/rientro in Italia da questi Paesi, è necessario compilare un’autodichiarazione nella quale si deve indicare la motivazione che consente l’ingresso/il rientro. L’autodichiarazione va mostrata a chiunque sia preposto ad effettuare i controlli. vedi pagina dedicata Ministero degli Esteri

Si raccomanda di consultare sempre la Scheda del Paese di interesse su viaggiaresicuri.it/   per verificare eventuali restrizioni all’ingresso da parte delle Autorità locali.


Si ricorda che gli Stati membri dell’Unione Europea oltre all’Italia, sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria (per Bulgaria, Romania, Croazia, Grecia, Malta e Spagna sono in vigore le regole soprariportate)
Gli Stati parte dell’accordo di Schengen sono: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera

N.B. Con Ordinanza 78 del 12 agosto 2020 è previsto che il test molecolare (tampone) è praticato gratuitamente a favore di tutti coloro che rientrano da un viaggio all’estero, a seguito di un periodo di lavoro o di vacanza, da Paesi in cui la circolazione è libera in base al D.P.C.M. 7 agosto 2020 e che ne fanno richiesta attraverso i Dipartimenti della Prevenzione delle aziende territorialmente competenti,senza necessità di prescrizione medica. A seguito di negatività del test non si adotta alcun provvedimento di isolamento fiduciario.
La richiesta del tampone può essere fatta da coloro che hanno residenza o domicilio sanitario in Toscana..

Sono un cittadino rientrato dall'estero che ha regolarmente compilato il modulo on line di segnalazione, non ho ancora ricevuto la comunicazione formale di prescrizione di isolamento domiciliare, necessaria affinché il mio medico possa inviare la certificazione per il mio datore di lavoro.
Considerata la notevole mole di dati delle segnalazioni di rientro dall'estero in arrivo al nostro sistema informativo può accadere che vi siano dei ritardi. Possiamo procedere direttamente ad inviare la comunicazione di prescrizione, per questo è opportuno comunicare al numero verde aziendale 800 579579 questi dati: nome, cognome, data e luogo nascita, residenza, codice fiscale, cellulare da contattare, indirizzo luogo di sorveglianza se diverso dalla residenza, data di rientro, stato di salute (asintomatico/ sintomi leggeri, ecc.), nominativo MMG o PLS.

Quando devo contattare i numeri verdi dedicati all'emergenza Covid-19
Deve contattare il Numero Verde Azienda Usl Toscana sud est, 800 579579 in orario 8 - 20 tutti i giorni, solo chi è stato a contatto stretto con persone positive.
A disposizione anche Numero regionale 055.4385850, attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 13 per informazioni, orientamento e indicazioni sui percorsi e le iniziative individuate dalla Regione sul Covid-19, al quale rispondono operatori del Centro di Ascolto Regionale adeguatamente formati.
Per informazioni vedi modalità di contatto.

Sono cittadino non residente nella zona dove mi trovo temporaneamente presente, a chi devo rivolgermi per problemi di salute?
Chi non è residente e non ha titolo per avere il Medico di Medicina Generale (lavoro,studio e salute) si deve rivolgere al servizio di Continuità Assistenziale per eventuali prescrizioni. Altra possibilità è quella di rivogersi ad un medico di medicina generale che può effettuare l'attività come prestazione "occasionale" , soggetta al pagamento secondo le tariffe vigenti. In caso di urgenza/emergenza si deve rivolgere al 118 o al Pronto Soccorso.

Sono una persona sola o in isolamento domiciliare. Come posso fare per farmaci e spesa alimentare?
Vedi Consegna di farmaci e spesa alimentare a persone sole o in isolamento domiciliare

Ho bisogno di eseguire il tampone rino-faringeo per motivi personali, dove posso farlo?
La Regione Toscana ha stabilito con Delibera n 778 del 22/06/2020 che per esigenze individuali i soggetti privati potranno effettuare il prelievo del campione per il test molecolare (tampone Coronavirus). Per l'analisi del tampone (che è una prestazione fuori dai Lea, i Livelli essenziali di assistenza), ogni azienda ha stabilito una tariffa.
L'Azienda Usl Toscana sud est si è attivata nei propri punti prelievo e laboratori per garantire questo servizio ai cittadini. Vedi tutte le informazioni alla pagina Tampone rino-faringeo

PER LE PERSONE IN ISOLAMENTO DOMICILIARE E PER I FAMILIARI CHE LI ASSISTONO - I comportamenti socialiPer le persone in isolamento domiciliare i familiari che li assistono: I comportamenti sociali

Cosa bisogna fare al termine dell’isolamento fiduciario per rientrare al lavoro? fonte Ministero della Salute

Al termine del periodo di isolamento fiduciario, se non sono comparsi sintomi, la persona può rientrare al lavoro ed il periodo di assenza risulta coperto dal certificato emesso all’inizio del periodo di isolamento. Non sono necessarie certificazioni aggiuntive.
Può essere effettuata una valutazione da parte del medico competente qualora il datore di lavoro lo ritenesse opportuno.

Vorrei fare lo screening sierologico previsto per il personale delle scuole (a partire dal 20 agosto), quali sono le modalità? INFORMAZIONI

Uso della mascherina Come e quando utilizzare la mascherina - Regione Toscana - i comportamenti da seguire quando sei in presenza di altre persone vedi Opuscolo informativo

Avrei bisogno di un servizio di ascolto e supporto psicologico telefonico, è previsto?

Si, dedicato inizialmente agli operatori sanitari aziendali e a tutti i dipendenti delle strutture socio sanitarie del territorio impegnati nell’emergenza Covid-19 è stato da poco esteso a tutti i cittadini della AUSL Toscana sud est.
Il servizio è attivo nei giorni feriali dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 18, e il sabato dalle 10 alle 13. Chiamando il numero verde 800 336988, le persone saranno messe direttamente in contatto con uno degli psicologi dell’Unità Operativa della loro provincia. Vedi locandina
Oltre al numero verde è possibile scrivere una mail per essere ricontattati.

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Siena)
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Grosseto)
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Arezzo)

Ho un animale domestico: posso contrarre il coronavirus? Se sono malato posso trasmettergli il coronavirus? Quali regole igieniche devo seguire?
Attualmente non esiste alcuna evidenza scientifica che dimostri che gli animali domestici possono diffondere il virus SARS-CoV-2, responsabile della pandemia COVID-19.
In questo momento perchè la convivenza uomo-animale risulti sicura da un punto di vista sanitario deve porre ancora più attenzione alle buone pratiche igieniche: lavarsi le mani prima e dopo aver toccato gli animali, il loro cibo, la loro ciotola, evitare di baciarli, farsi leccare o condividere con loro il cibo, al ritorno da una passeggiata pulire le zampe (evitando prodotti aggressivi e quelli a base alcolica che possono irritare la loro cute) per ridurre al minimo il rischio di introdurre in casa agenti patogeni.

Nel caso invece di persone affette o sottoposte a restrizione per Covid-19 si devono evitare contatti ravvicinati con i propri animali, delegandone, possibilmente, la loro gestione ad altri familiari.

Voglio fare una donazione all'Azienda Usl Toscana sud est

Vedi la pagina: Fare una donazione all'Azienda Usl Toscana sud est

Link utili:
Regione Toscana: FAQ sul Coronavirus
Questionario informativo Ministero degli Esteri https://infocovid.viaggiaresicuri.it

Per ulteriori informazioni: