In occasione dell’8 marzo Giornata internazionale della donna, i centri trasfusionali degli ospedali di Campostaggia e di Nottola hanno aderito a “Donazione in rosa”, un’iniziativa speciale di donazione del sangue condiviso con le associazioni dei donatori. A Campostaggia il servizio trasfusionale sarà aperto dalle 8 alle 11.30, mentre a Nottola dalle 8 alle 12.

Questo programma rientra in un calendario di eventi organizzati dalla Asl Toscana sud est in tutte e tre le province.

“Una dimostrazione di grande sensibilità e responsabilità – dice il direttore generale dell’Asl Toscana sud est Antonio D’Urso. - Grazie a tutte le donne e ai tanti volontari che quotidianamente si impegnano per mantenere sempre alto il livello delle donazioni”.

“Anche al Trasfusionale di Campostaggia si realizzerà il progetto di “Donazione in rosa” per la Giornata internazionale dei diritti della donna. – dichiara la responsabile di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale del presidio valdelsano Elena Marchini. -Grazie alla collaborazione con le associazioni di volontariato che operano in questo settore (Fratres, Avis e Anpa), per l' 8 marzo è stato possibile far prenotare una quota maggioritaria di donatrici, che riceveranno un piccolo omaggio floreale come ringraziamento per questo gesto di grande solidarietà”.

Conclude il responsabile del centro trasfusionale di Nottola Roberto Zadi: “A Nottola per l’8 marzo abbiamo organizzato una seduta prolungata fino alle 12, spostando in altri giorni gli appuntamenti dell'ambulatorio trasfusionale, mettendo a disposizione così 21 appuntamenti per donazioni di sangue intero e 6 per plasmaferesi. Abbiamo sensibilizzato le associazioni del territorio affinché possano intervenire il maggior numero possibile di donatrici, che troveranno un piccolo omaggio”.

Per chi vuole donare è consigliabile prenotare tramite le associazioni di volontariato.

Locandina Donazione in rosa