Sono state allestite anche all’ospedale Misericordia di Grosseto le bolle Covid all’interno dei reparti specialistici; una scelta organizzativa voluta dalla Regione Toscana con la delibera n.581 e le linee d'indirizzo approvate dalla Giunta Regionale lo scorso 23 maggio e applicate anche dalla Asl Toscana sud est.

Con questa modalità, previa valutazione con il Servizio di Prevenzione e Protezione all’interno dei reparti, vengono individuate specifiche stanze dove vengono isolati i pazienti ricoverati in ospedale e che, al riscontro dei tamponi, risultano positivi asintomatici o paucisintomatici. Una soluzione già attiva in altri ospedali sia della Asl Toscana sud est che nel resto del territorio regionale. Si tratta di camere di degenza dotate di servizi igienici indipendenti dove viene assicurato tutto il necessario per il controllo del rischio infettivo sia in termini di competenze clinico assistenziali, che per una corretta gestione della patologia di base.

Sono previsti percorsi assistenziali distinti, il personale sanitario dispone di spazi appositi per la vestizione e svestizione e l’impianto di condizionamento presente all’interno dell’ospedale prevede la totale estrazione dell’aria con emissione all’esterno.

“L'attivazione delle bolle si è resa necessaria per l’evoluzione pandemica e nel rispetto della normativa regionale – spiega la direttrice dell’ospedale Misericordia Lidia Di Stefano -, e lo abbiamo fatto con tutte le garanzie per tenere separate queste stanze dal resto dei reparti. Questo significa che sono state messo in campo tutte le adeguate attenzioni nella separazione dei percorsi monitorati quotidianamente così da garantire una presa in cura dei pazienti in totale sicurezza”.