Sono stati oltre 100 i partecipanti al congresso dal titolo “Il rapporto medico paziente in oftalmologia. La rivoluzione comunicativa” che si è svolto sabato 7 maggio a Grosseto presso l’auditorium dell’ospedale Misericordia organizzato dal dott. Angelo Balestrazzi, direttore della UOC Oculistica dell’ospedale insieme ai coordinatori scientifici dott. Gianluca Martone e dott. Marco Gusmeroli.

Un evento che si è svolto nel capoluogo maremmano nell'ambito degli incontri regionali organizzati dall'associazione italiana medici oculisti (AIMO), con cui come referenti collaborano gli organizzatori del Congresso afferenti all’Oculistica del Misericordia. Molti i relatori qualificati provenienti da tutta Italia che hanno approfondito argomenti riguardanti il glaucoma, la cataratta, l’oftalmologia pediatrica e le patologie retiniche, portando la loro esperienza nella comunicazione al paziente di queste patologie oculari.

“Un tema nuovo e interessante, una novità per Grosseto – ha spiegato il dott. Angelo Balestrazzi – perché in questi ultimi due anni di pandemia la comunicazione sta cambiando e non si può più prescindere da essa per ottenere l’alleanza terapeutica con il paziente per raggiungere una cura più efficace. Una migliore comunicazione tra medico e paziente permette di creare un rapporto di fiducia che spesso è il primo passo della terapia e il primo approccio alla guarigione. La competenza relazionale ed emotiva – aggiunge - dovrebbero assumere un ruolo preponderante sullo stesso piano delle altrettanto importanti componenti cliniche, diagnostiche e terapeutiche”.

Durante il convegno si è parlato anche della crescita di conflittualità tra pazienti e strutture sanitarie anche a causa di informazioni mediche diffuse sul web e non sempre verificate e filtrate e su come disinnescare queste criticità prima di giungere a contenziosi legali.

panoramica convegno oculistica