Antonio D'Urso Direttore Generale ASL Toscana sud est: "Vaccini e comportamenti responabili, questa la ricetta per un Natale libero e sereno”

Riparte il tour del camper dei vaccini anti-Covid con una prima giornata di prova generale domenica 5 dicembre dalle 8,30 alle 13,30
Il Camper Vaccinale della ASL e della Misericordia di Arezzo sarà protagonista alla Città di Natale di Arezzo, senza dubbio la manifestazione che più di tutti catalizza l'attenzione della cittadinanza nel periodo delle festività.
Il camper sarà posizionato nell'area del Prato, nella parte alta di Arezzo, e chi vorrà vaccinarsi potrà farlo con accesso diretto, quindi senza la prenotazione.
Il vaccino utilizzato è Moderna: saranno effettuate prime dosi (tutti i non vaccinati oltre 12 anni), terze dosi (tutti coloro che hanno completato il ciclo primario con qualunque vaccino da almeno cinque mesi

“Grazie alla collaborazione tra ASL, Misericordia e Comune di Arezzo, siamo in grado di far ripartire questo importante servizio di vaccinazione territoriale, afferma il Direttore Generale Antonio D'Urso.
Nei mesi passati questa modalità di vaccinazione è stata molto apprezzata dalla popolazione.
Tra agosto e ottobre abbiamo effettuato 3450 vaccinazioni in tutta l'azienda (791 ad Arezzo, 677 a Siena e 1833 a Grosseto), viaggiando con i nostri camper per 2800 Km, facendo un vaccino ogni 800 metri di strada percorsa.
Questa modalità itinerante si è rivalata vincente non solo per la vaccinazione in se ma anche perchè i nostri professionisti (medici ed infermieri) hanno avuto modo di avvicinare oltre 10 mila persone che si sono rivolte al camper vaccinale per avere informazioni, essere rassicurate e comprendere il valore e l'importanza di questo gesto.
E' una sanità di vicinanza e di prossimità che sempre di più si rivela vincente.
Ora con l'avvicinarsi delle festività natalizie, prosegue il Direttore D'Urso, è fondamentale ripartire. Saranno giornate in cui tutti noi tendiamo a ritrovare amici e parenti, ma purtroppo il virus Sars Covid non ci ha lasciato e se vogliamo un Natale più sicuro e sereno, dobbiamo rispettare le indicazioni e se possibile vaccinarci, chi per la terza o anche per la prima dose.
Abbiamo la possibilità di contenere l'aumento dei contagi, dobbiamo insistere sulla vaccinazione e sul rispetto dei comportamenti individuali e sociali".