E’ stata istituita nei giorni scorsi l’Unità Operativa “Trattamenti di alta precisione”

MONTEVARCHI – E’ di nuova istituzione, nell’ambito della Radioterapia valdarnese, la Unità Operativa Semplice Interdipartimentale (UOSI) “Trattamenti di alta precisione” all’ospedale della Gruccia: la delibera è infatti dei giorni scorsi e assegna la responsabilità a Simona Borghesi.
L’Unità Operativa rappresenta un investimento che l’Azienda intende portare avanti a vantaggio dei valdarnesi e di tutti coloro che si rivolgono all’ospedale di Montevarchi. L’istituzione della UOSI arriva in un momento importante per la Radioterapia valdarnese. Nelle prossime settimane infatti, si procederà con l’aggiornamento dei macchinari della Gruccia e a seguire, da gennaio, sarà invece il turno di quelli di Arezzo. Un investimento da oltre 1 milione di euro, che rilancia la Radioterapia della Sud Est, rendendola più efficiente e adeguata alle nuove sfide.
“La nuova UOSI e i lavori di aggiornamento sono passi importanti per garantire la miglior assistenza e presa in carico dei pazienti – conclude Enrico Tucci, direttore del Dipartimento Oncologico – L’Azienda dimostra grande attenzione al territorio del Valdarno, uno snodo fondamentale per tanti pazienti che arrivano anche da zone limitrofe”.
I lavori potrebbero provocare qualche disagio tra i pazienti. Dal mese di ottobre, infatti, i valdarnesi dovranno fare riferimento all’ospedale di Arezzo mentre a gennaio sarà l’opposto: da Arezzo, i pazienti dovranno rivolgersi alla Gruccia. Si tratta però solo di qualche mese, il tempo di completare i lavori e rimettere in pista queste importanti tecnologie.
simona borghesi