Donazione della ditta MS Arredamenti di Montevarchi

La perdita improvvisa di un collega, nel bel mezzo di un turno di lavoro, è stata la scintilla che ha acceso nella dirigenza e nei lavoratori dell'azienda MS Arreddamenti di Montevarchi la voglia di compiere un gesto importante che andasse a migliorare l'assistenza a chi viene colpito da infarto.
Da qui è stato avviato un percorso che ha portato, martedì 21 dicembre 2021, ad una breve e intesa cerimonia di donazione di un “massaggiatore meccanico”, un dispositivo che, una volta posizionato correttamente sul torace della persona colpita da arresto cardiaco improvviso, esegue il massaggio cardiaco in maniera meccanica automatica e soprattutto funzionale alla ripresa del paziente.
Alla toccante cerimonia erano presenti il titolare di MS Arredamenti Paolo Sevolini, i dipendenti, i familiari di Raffaele (il giovane scomparso circa un anno fa) e per l'azienda il dottor Massimo Mandò direttore del Dipartimento Emergenza Urgenza della Ausl Toscana sud est.

“Questa donazione, afferma il dott. Massimo Mandò, ha evidenziato la volontà della stessa ditta, non solo di ricordare Raffaele, ma di proteggere la popolazione da un evento drammatico come la morte cardiaca improvvisa. Il nostro impegno in questo ambito, come ASL, è molto forte. Da oltre dieci anni continuiamo ad installare defibrillatori (sono oltre 1000 in provincia di Arezzo), a fare formazione e educazione nel territorio agli operatori e ai cittadini e a rafforzare anche strumentalmente i nostri mezzi.
Il nuovo strumento entrerà subito in dotazione dell'ambulanza infermierizzata del Valdarno, di stanza a Montalto.”