Una storia dell’Unità Funzionale Salute Mentale Adulti della Asl Tse

"Andavo nella biblioteca dell'Università per studiare ma non riuscivo a salire le scale. Anche se era inverno, rimanevo nel chiostro esterno. Lo so, era uno stupidaggine ma mi vergognavo. Ad entrare, figuriamoci a parlare con le bibliotecarie e chiedere un libro. Adesso salgo le scale, entro e studio a sedere. D'inverno, al caldo, è molto meglio".
Federico, 21 anni, studente in una facoltà toscana, rilegge con autoironia un periodo molto difficile della sua vita. "Ero pieno di ansie e di problemi. Vivevo con difficoltà, incapace di avere relazioni normali e tranquille con le altre persone". Alla fine la decisione di rivolgersi all’Unità Funzionale Salute Mentale Adulti Asl Tse di Arezzo e l'incontro con Laura Del Citerna, psicologa e psicoterapeuta. "Dopo un po' di tempo mi propose la terapia di gruppo e quindi di partecipare a incontri con altri. Un'ora una volta alla settimana, nel tardo pomeriggio, alle 18".
Federico accetta ma varca la porta con la valigia mentale piena di dubbi e incertezze. "Mi chiedevo come mi avrebbero accolto, se sarei apparso goffo. Ero un pessimista esagerato. Capivo che era una cosa importante e che mi avrebbe potuto aiutare ma ero comunque incerto".
Il passo, comunque, viene fatto. "In realtà è andata subito bene. Mi sono rilassato perché ho capito che gli altri si aprivano, che non esisteva competizione e nemmeno giudizi. Io avevo bisogno di diluire il mio ego e il gruppo, ben presto, mi ha fatto capire che i miei problemi erano in realtà i problemi di molti. Anzi, in alcuni casi ritrovavo parti della mia vita e della mia storia, in modo particolare le difficoltà di relazione con la famiglia e con le altre persone".
Il gruppo lavora su dialogo ed esercizi. "Le mie prime volte sono state nel periodo pre Covid e quindi c'erano gesti che si potevano fare. Ad esempio appoggiare il palmo della mano su quello dei vicino di sedia. E' una piccola cosa ma è un segno di fiducia e di vicinanza. Fondamentale è stato per me poter raccontare cosa avevo dentro, le mie paure. Ascoltare e condividere quelle degli altri".
Federico ha partecipato per un anno intero al gruppo. "Ci sono stato bene e mi ha aiutato molto. Fondamentale è la presenza della psicologa che agevola ciascuno ad ascoltare e a raccontare, Aiuta, soprattutto a crescere e a gestire le situazioni di ansia".
Il gruppo di Federico dopo un anno si è sciolto. "Ogni tanto la mente mi ritorna a quegli incontri ed è un pensiero piacevole".
"E' un percorso che inizia e finisce - commenta la psicologa Laura del Citerna. Durasse di più creerebbe dipendenza. Quando è il momento lo sciogliamo d'intesa insieme e con la soddisfazione di tutti. I pazienti riescono a superare le problematiche che avevano all'inizio del trattamento, sviluppando allo stesso tempo le risorse personali e interpersonali, aumentando l'autostima, le capacità relazionali e raggiungendo una maggiore stabilità emotiva”.
I gruppi sono inizialmente dedicati allo stabilire un clima di fiducia e di armonia. "Quindi ci si dedica al miglioramento delle modalità comunicative per arrivare al dialogo e all'approfondimento delle problematiche personali. A questo punto il gruppo è pronto per condividere e sostenere i problemi che vengono presentati e arrivare insieme alla loro soluzione".
La terapia di gruppo funziona: “la valutazione finale – commenta Del Citerna – è senz'altro positiva. L'intervento di gruppo stimola l'auto osservazione e la conoscenza di nuovi punti di vista e nuove realtà perciò costituisce uno strumento di crescita e di formazione importante”.
Federico continua a studiare. La terapia di gruppo è stato l'ascensore che lo ha fatto salire fino a quella biblioteca dove si vergognava di entrare.