Ricorre domani 5 maggio la Giornata internazionale dell’ostetrica. Istituita nel 1991, quest’anno ha come tema quello della professionista come filo conduttore della salute delle donne con lo slogan “Midwives with women: celebrate, demonstrate, mobilize, unite - our time is NOW!” (Ostetriche con le donne: celebrare, dimostrare, mobilitarsi, unire - il nostro tempo è ORA!).

Si celebra nell’anno che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha voluto dedicare alla professione ostetrica, per il ruolo che questa ricopre come caregiver più appropriato per le donne, per i loro figli e per le famiglie.

“Le ostetriche sono perno fondamentale per il nostro sistema di salute - ha dichiarato il direttore sanitario dell’ASL Toscana sud est Simona Dei - accompagnano le donne in momenti diversi della loro vita, sia in ospedale che sul territorio. La Direzione Aziendale vuole rivolgere, oggi più di ogni altro anno, un grazie particolare a tutte le professioniste che, con coraggio, hanno retto l’urto del Covid-19, continuando a garantire con spirito di gruppo un servizio eccellente anche durante l’emergenza, spesso reinventando il loro modo di lavorare pur di restare al fianco delle loro assistite e dei loro bambini”.

Tante le innovazioni che hanno caratterizzato il ruolo dell’ostetrica all’interno dei percorsi della ASL Toscana sud est anche in tempi di coronavirus. Sono infatti state riallineate e sperimentate le modalità assistenziali attraverso soluzioni efficaci ed innovative pur di rispondere al meglio ai nuovi bisogni di salute.

Tutela della gravidanza, contraccezione, prevenzione, corsi di accompagnamento alla nascita: sono solo alcune delle prestazioni che le ostetriche stanno continuando a garantire spesso tramite la teleassistenza e le videochiamate, playlist su youtube, la creazione di chat e di gruppi virtuali per la condivisione di esperienze e di consigli per il parto, nuove sezioni informative nella homepage del portale aziendale. Tutto fatto per non interrompere la presa in carico della donna.

“Le ostetriche hanno continuato a garantire in sicurezza l'assistenza alla nascita ed al puerperio - dichiara Lorenzo Baragatti, direttore del Dipartimento professioni infermieristiche e ostetriche - La loro azione ha rappresentato il sostegno alla vita che 'prepotentemente' s’impone anche in quei momenti quando tutto sembra perduto. Attraverso lo slogan #iorestoinsalaparto hanno accompagnato la nascita, sia con modalità tradizionali che con modalità innovative. Il Dipartimento è orgoglioso e lavora al consolidamento e al continuo sviluppo della professione”.

Per celebrare la giornata internazionale dell’ostetrica, per superare l’impossibilità di ritrovarsi in piazza tutte insieme per discutere delle prospettive della professione così come si è finora fatto, è stata realizzata una campagna social ed un video con alcuni dei momenti più significativi dell’attività delle ostetriche anche in questo periodo condizionato dal Covid.

“I percorsi ostetrici sono strategici in AUSL Toscana sud est e l’emergenza non poteva interromperli. Sentiamo la responsabilità d’essere un punto di riferimento importante e quotidiano per le donne - ha affermato Patrizia Petruccioli, direttore dell’unità operativa aziendale di Ostetricia - Abbiamo individuato un nuovo equilibrio tra il rispetto della fisiologia, core della nostra professione, e la sicurezza dei percorsi per mantenere la qualità della nascita in questo momento straordinario. Rivolgiamo lo sguardo in avanti verso il miglioramento dei percorsi in cui l’ostetrica può e deve fare la differenza”.