Nella provincia di Siena sono presenti tre punti nascita:


Il percorso nascita comincia con il ritiro del Libretto di Gravidanza, che serve ad assicurare le prestazioni per il monitoraggio della gravidanza fisiologica, e si ottiene presentando il certificato di gravidanza, rilasciato dal ginecologo o dal medico di famiglia.
Contiene le richieste di tutti gli esami periodici consigliati durante la gestazione e viene rilasciato direttamente dalle Ostetriche nei Consultori o presso le sedi dei Presidi sociosanitari.

Per ricevere il Libretto di Gravidanza, che può essere ritirato sia dalla gestante che da una persona diversa munita di delega scritta, è necessario presentare:

  • documento nominativo che attesti la gravidanza (uno tra questi elencati): test di gravidanza effettuato presso un laboratorio, dosaggio BHCG, ecografia, certificato medico;
  • delega scritta nel caso in cui il ritiro venga effettuato da persona diversa della gestante;
  • assistenza sanitaria con scelta del Medico curante nell'ambito di tutta l'Azienda;
  • in caso di Straniero Temporaneamente Presente: modello STP (per informazioni rivolgersi all'Ufficio Anagrafe Assisititi della propria Zona Sociosanitaria).

Al momento del ritiro del Libretto di Gravidanza, l'ostetrica informa la gestante su tutti i servizi offerti gratuitamente nel percorso nascita e sulla possibilità di iscriversi ai Corsi di Preparazione al Parto e alla Nascita. Prenota , su richiesta, la prima visita in gravidanza presso un Ambulatorio dei Servizi Consultoriali o gli Ambulatori ospedalieri con la possibilità di scelta del ginecologo, al fine di assicurare la continuità assistenziale per tutta la gravidanza.
I successivi appuntamenti possono essere prenotati, anche tramite CUP al numero 0577 767676 dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 13:00 e dalle ore 14:00 alle ore 18:00.

A chi rivolgersi durante la gravidanza:
ai Consultori, che sono il punto di riferimento del percorso nascita. L'equipe del Consultorio accompagna la donna durante tutto il percorso sostenendola fisicamente e psicologicamente, continuando anche dopo il parto.

Oltre agli esami contenuti nel libretto di gravidanza, è possibile effettuare il "test combinato" o "dual test", un esame di screening che consente la valutazione del rischio che il feto sia affetto da Sindrome di Down o altre trisomie. L'esame è fatto da due passaggi: un'ecografia approfondita ed un prelievo di sangue.
La diagnosi delle malattie cromosomiche può essere effettuata anche con la villocentesi o con l'amniocentesi, gratuite in caso di test combinato positivo o quando la mamma supera i 35 anni.

I corsi di Preparazione alla Nascita:
Intorno al settimo mese di gravidanza è possibile seguire gratuitamente un corso che fornisce informazioni importanti sull'alimentazione, sull'allattamento e su tutto ciò che concerne la cura del bambino. Consulta il depliant sui Corsi di accompagnamento alla nascita dell'ospedale di Poggibonsi.

N.B. I corsi di accompagnamento alla nascita e al dopo-parto, tutti completamente gratuiti, e possono essere seguiti anche da donne gestanti migranti irregolari.

Le donne extracomunitarie in gravidanza, se prive di permesso di soggiorno, posso ritirarlo per sé e per il proprio marito, valido per il periodo della gravidanza e per i primi sei mesi dopo il parto, presentando in questura il certificato di gravidanza che attesta il mese di gestazione e la presunta epoca del parto. con questo permesso è possibile effettuare l'iscrizione al servizio sanitario, ma non è possibile rinnovarlo oltre i sei mesi dopo il parto. Tutte le donne straniere, anche se solo in possesso di tesserino STP, hanno diritto durante la gravidanza ad effettuare gratuitamente presso i consultori, gli ospedali pubblici e le strutture accreditate, le analisi cliniche e di laboratorio, le visite specialistiche, i corsi di accompagnamento al parto, il ricovero per il parto e le cure per eventuali malattie conseguenti il parto.
Per chi invece, sia comunitaria che non comunitaria con permesso di soggiorno, vive in condizioni economiche difficili, può verificare con i servizi sociali del comune o della USL, se ha diritto ad un sussidio economico, o all'assegno di maternità per gestanti comunitarie e non comunitarie con permesso di soggiorno CE per soggiorni di lungo periodo. Infine il nascituro ha diritto ad essere preso in cura dal pediatra, sia se la madre è iscritta al SSN, sia se ha il tesserino STP. Fino all'età di sei anni ha diritto a visite specialistiche, analisi di laboratorio e altri accertamenti gratuiti se il reddito familiare lordo supera una cifra prestabilita dalla legge, a riguardo è possibile chiedere informazioni presso l'ufficio ticket della AUSL.

Dove Richiedere il Libretto di Gravidanza e come iscriversi ai Corsi di Preparazione alla Nascita: