Il Percorso nascita è un programma rivolto alla donna, alla coppia e al neonato in quel particolare momento della vita di una donna che va dalla fecondazione al termine del puerperio.
Durante questo periodo viene assicurata, alla donna e alla famiglia, una rete di azioni miranti a fornire assistenza, sostegno ed ascolto. L'integrazione degli interventi, offerti dai professionisti della salute che operano all'interno dei Consultori Territoriali e dei Punti Nascita Ospedalieri aziendali, è mirata ad offrire un continuum assistenziale competente e specifico per ogni tipo di bisogno assistenziale, attestato nel Libretto protocollo di gravidanza.

L'attività in rete degli interventi si articola su tre fasi:

La gravidanza
Ritiro del libretto/protocollo regionale di gravidanza: all'inizio della gravidanza viene sempre consigliato alla donna/coppia di ritirare il libretto regionale, presentando sia il tesserino sanitario dove è segnato il proprio medico di famiglia che l'esito degli esami attestanti lo stato di gravidanza. E' un momento assistenziale importante, garantito presso ogni Consultorio Familiare dell'Azienda attraverso un colloquio informativo in cui l'ostetrica/o presenta alla donna/coppia, il corretto utilizzo del libretto di gravidanza illustrandone l'offerta assistenziale dei servizi consultoriali ed ospedalieri presenti all'interno dell'Azienda USL8.
Nel caso in cui la donna non possa recarsi al Consultorio per ritiro del libretto di gravidanza, può incaricare altra persona compilando la delega in tutte le sue parti e firmarla.

NB: Presso il Consultorio di Arezzo, la consegna del libretto protocollo gravidanza non avverrà più ad accesso libero ma previo appuntamento concordato telefonicamente al numero 0575\255829 dalle ore 8 alle ore 10 dal lunedì al venerdì.

Controlli Ostetrico/Ginecologici Consultoriali: sono rivolti alla donna con gravidanza a basso rischio, come previsto dal libretto/protocollo della gravidanza fisiologica; sono finalizzati soprattutto a verificare il benessere materno e fetale ma anche a fornire informazioni utili sull'igiene, l'alimentazione, la sessualità in gravidanza, la legislazione a tutela della gravida, la diagnosi prenatale etc.

Programmazione dei controlli previsti dal protocollo di assistenza alla gravidanza fisiologica e le eventuali consulenze con lo specialista, qualora necessario. Vedi elenco controlli

Colloquio e visita del genetista: una consulenza genetica nelle situazioni a rischio per familiarità, per età materna o per screening positivo, finalizzata alla prevenzione e la diagnosi precoce delle malattie genetiche e alla effettuazione dell'amniocentesi.
Incontri informativi sull'offerta assistenziale, effettuati presso i Punti Nascita aziendali. Sono incontri a cadenza mensile (es. ad Arezzo è l'ultimo giovedì di ogni mese) in cui le gestanti, durante un colloquio con i professionisti (ostetrica/o, ginecologo, pediatra ed anestesista) ricevono un'informazione dettagliata sulle modalità dell'assistenza al parto in ambito aziendale, finalizzata a far conoscere le tipologie assistenziali aziendali e la possibilità dell'offerta assistenziale di ogni Punto Nascita.

Ambulatorio della “Gravidanza a Rischio”: viene attivato in ogni situazione in cui si evidenzia un'anomalia del decorso della gravidanza o uno stato patologico pre-esistente che incide sulla progressione della gravidanza stessa. In questo caso l'assistenza ostetrico-ginecologica è assicurata in ambito ospedaliero e varia in base al quadro clinico specifico di ogni gestante; la gestione “in rete” con i servizi specialistici (Amb. Diabetologico, Laboratorio Chimico-Clinico, UO Cardiologia, ecc) consente una presa in carico ambulatoriale globale, evitando l'ospedalizzazione impropria della donna in gravidanza.

Ambulatorio/Consultorio della “Gravidanza a Basso Rischio Ostetrico” (attivato attualmente presso la Zona Valdarno), è un ambulatorio a gestione ostetrica ed è rivolto alla gravidanza a basso rischio; è caratterizzato da una gestione professionale globale nei confronti della fisiologia che, come tale, richiede interventi competenti ma a basso livello di complessità assistenziale; ha l'obiettivo di diminuire la medicalizzazione e di restituire alla donna e alla famiglia la dimensione naturale della gravidanza fisiologica.

Frequenza di un corso di “Accompagnamento alla Nascita”, questa proposta si articola in una serie di incontri informativi e di apprendimento di tecniche di rilassamento e movimento corporeo per la gravidanza, il parto e il periodo post parto; sono previste due tipologie di corsi: tecniche di rilassamento corporeo e acquaticità. Gli incontri sono rivolti a gruppi di donne in gravidanza e sono condotti da personale ostetrico, coadiuvato dallo psicologo, dal pediatra e da altre figure intra ed extra-consultoriali.

Incontri informativi sull'offerta assistenziale, effettuati presso i Punti Nascita aziendali. Sono incontri a cadenza mensile (es. ad Arezzo è l'ultimo giovedì di ogni mese) in cui le gestanti, durante un colloquio con i professionisti (ostetrica/o, ginecologo, pediatra ed anestesista) ricevono un'informazione dettagliata sulle modalità dell'assistenza al parto in ambito aziendale, finalizzata a far conoscere le tipologie assistenziali aziendali e la possibilità dell'offerta assistenziale di ogni Punto Nascita.

La nascita
Ambulatorio della Gravidanza a termine si trova presso ogni Punto Nascita dell'Azienda.:

Punto Nascita Arezzo: Ospedale San Donato - Via P.Nenni 20 tel. 0575 2551 (centralino)
Viene garantita l'assistenza a tutti i parti con diagnosi di basso-medio-alto rischio per la presenza della Terapia Intensiva Neonatale che accoglie i neonati a partire dalla 28 settimana di gravidanza. E' prevista la partoanalgesia istituzionale a richiesta, per tutte le gestanti che effettuano lo specifico percorso assistenziale. E' prevista la possibilità di effettuare il prelievo autologo e la donazione allogenica del sangue placentare per le gestanti che ne fanno richiesta.

Punto Nascita Valdarno: Ospedale S.M. Alla Gruccia - P.zza del Volontariato 2 Montevarchi (Ar) tel. 055 91061 (centralino)
E' previsto il percorso ambulatoriale a basso rischio e l'assistenza al travaglio/parto spontanea con l'assistenza dell'Ostetrica/o One to One, in questo contesto viene anche offerta l'assistenza al travaglio/parto con il supporto della vasca nativa; la gravidanza e il travaglio/parto a medio rischio ostetrico sono seguiti con uno specifico percorso assistenziale che prevede la figura del Medico, coadiuvato dall'Ostetrica/o. E' prevista la possibilità di effettuare il prelievo autologo e la donazione allogenica del sangue placentare per le gestanti che ne fanno richiesta.

La gestante si reca, a termine di gravidanza (38° settimana/gravidanza) presso l'ambulatorio del Punto Nascita prescelto per il parto, al fine di essere correttamente per la corretta presa in carico al momento della nascita.

La nascita. A travaglio iniziale, o in tutti i casi di alterazione del decorso della gravidanza che richiedono un controllo clinico, la gestante si rivolge al Punto Nascita che ha scelto per il proprio parto. Al momento dell'accoglienza viene impostata diagnostico/terapeutica e Le vengono fornite le informazioni utili per la degenza.
Il decorso della degenza, dopo il parto, è di circa 72 ore, sia per il parto vaginale, sia per il taglio cesareo. Le puerpere ed i neonati, dopo il parto fruiscono in ogni Punto Nascita (PN), del Rooming-In, cioè madre e neonato insieme nelle 24 ore.

Documenti: Dopo la nascita è obbligatorio effettuare la dichiarazione di nascita presso:
  • Ospedale San Donato di Arezzo tel 0575 255646 orario 9:00 - 13:00 il lunedì mercoledì e venerdì presso front-office archivio cartelle cliniche e il martedì e giovedì orario 9:00 - 12:00 presso il Rooming-in del reparto di Pediatria
  • Ospedale Santa Maria alla Gruccia Montevarchi tel. 055 9106217 orario 9:00 - 13.30 dal lunedì al venerdì e anche martedì e giovedi 15:00 - 17:00

Il puerperio
Visita e consulenza dell'ostetrica in Consultorio e a domicilio dopo il parto:
Al momento della dimissione ospedaliera la neo-mamma viene informata sulla possibilità di fruire dei servizi consultoriali/territoriali di sostegno alla genitorialità e di promozione dell'allattamento al seno.  
A livello consultoriale, in tutte le Zone della AUSL 8, sono attivi i Punti Puerperali: in questi particolari momenti d'incontro il personale ostetrico è a disposizione delle puerpere per:
- la verifica del decorso post-parto sia del neonato/a sia della mamma;
- l'eventuale rimozione dei punti di sutura; il sostegno e la consulenza alla neomamma e al padre per la cura del neonato/a;
- il sostegno dell'allattamento al seno; l'informazione e la consulenza contraccettiva;
- la possibilità di rivolgersi ai servizi sociali per eventuali situazioni di disagio psico-sociale.
In ogni Zona sono attivati specifici percorsi assistenziali per le madri che necessitano di ricevere un sostegno domiciliare nei primi momenti dopo il rientro a casa.