SIENA - Ospedale di Abbadia San Salvatore: proseguono i lavori di completamento

Dal 2 gennaio partono i lavori di climatizzazione dell’ospedale di Abbadia San Salvatore, ultima trance dell’appalto assegnato lo scorso giugno che prevede tra l’altro la realizzazione dei nuovi spogliatori per il personale e il completamento della viabilità e del sistema degli accessi al presidio ospedaliero.

I lavori di climatizzazione sono i più complicati in quanto, per permettere il funzionamento di tutte le attività all’interno dei piani di degenza, la tabella di marcia prevede due momenti. Il primo, a partire dal prossimo 2 gennaio, riguarderà i lavori al secondo piano con lo spostamento dei letti di medicina al primo piano e la collaborazione dell’ospedale di Castel del Piano con tre posti letto in caso di bisogno. Il secondo, presumibilmente a partire da metà febbraio, riguarderà i lavori al primo piano con la conclusione del completamento in aprile.

"Sono lavori che realizzano un maggiore comfort all’ospedale – spiega Rosa La Mantia direttore del presidio – Abbiamo organizzato lo spostamento dei letti e la garanzia dell’assistenza in ricovero per i prossimi tre mesi in modo tale che possiamo dare tutte le risposte anche in presenza di lavori che comunque, stando alla tabella di marcia, dovrebbero concludersi entro i primi di aprile.

Devo dire - aggiunge Rosa La Mantia - che è anche l’occasione per testare la rete ospedaliera della nostra azienda: abbiamo chiesto la collaborazione dell’ospedale di Castel del Piano e ho messo a disposizione anche letti di Nottola se dovesse verificarsi un caso di effettiva necessità".

Con quest’ultimo appalto si conclude, sostanzialmente, il piano dei lavori del Presidio amiatino, iniziato circa quindici anni fa con la costruzione della parte di ampliamento dell’ospedale.

Per quanto riguarda gli spogliatoi i lavori sono iniziati mentre le opere esterne che completano gli accessi sono finite all'80 per cento. Mancano le asfaltature che verranno fatte con situazioni climatiche più adatte.

"I disagi per questi lavori abbiamo cercato di ridurli al minimo in accordo con la direzione di presidio - afferma il sindaco di Abbadia Fabrizio Tondi - E' importante sottolineare la realizzazione degli impegni presi lo scorso anno al tavolo della sanità che abbiamo tenuto qui in Amiata. Si stanno realizzando mano a mano gli impegni presi anche per il miglioramento della parte strumentale oltre che dell'assetto organizzativo dell'ospedale, che con il completamento delle opere strutturali risponderà appieno alle esigenze di ambito territoriale."

Questi lavori sono finanziati per un milione e duecentotrentacinquemila euro con i fondi dell’accordo di programma integrativo per il settore investimenti sanitari, sottoscritto nel marzo 2013 tra il Ministero della Salute e la Regione Toscana, sui finanziamenti disposti ai sensi dell'art. 20 della L. n. 67/88.

Il processo di riqualificazione dell’ospedale di Abbadia San Salvatore è stato lungo proprio per la necessità di mantenere in attività il presidio sanitario. Sono stati eseguiti ben dodici interventi organizzati per lotti funzionali con un investimento complessivo di circa 12 milioni di Euro per la gran parte finanziati da Regione Toscana attingendo ai fondi stanziati dallo Stato, dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena e dal piano investimenti aziendale ex Usl7.

Oggi l’ospedale di Abbadia San Salvatore ha una struttura ampia e moderna. Dialisi, blocco operatorio, degenze, radiologia, pronto soccorso, centrali tecnologiche, gas medicali, cabina elettrica, sistema di prevenzione incendi, ascensori, accessi, e elisoccorso sono stati oggetto di interventi di nuova realizzazione o di ristrutturazione complessiva.