Anche l’angiografo della Radiologia interventistica, all’ospedale di Grosseto, potrà essere utilizzato per le emergenze coronariche e sostituire, quindi, l’angiografo dell’Emodinamica in caso di guasto o di fermo tecnico per manutenzione.
Nelle settimane scorse, l’angiografo della Radiologia interventistica è stato dotato di un apposito software che permette la visualizzazione delle coronarie, espletando quindi anche le funzioni che in precedenza venivano svolte solo da quello dell’Emodinamica.
In questo modo, non sarà più necessario dirottare su altri ospedali i pazienti colpiti da infarto e che necessitano di una angioplastica urgente, quando gli strumenti dell’Emodinamica sono fermi per manutenzione o in caso di guasto