AREZZO - Pionta, “Anche per la Asl è una priorità”

Desideri conferma l’impegno dell’Azienda. “Sempre disponibili a fare la nostra parte” 

AREZZO -  A fronte di quanto pubblicato a riguardo dell’area del Pionta sui media aretini, la Asl interviene per fare il punto della situazione.

“Esiste agli atti un protocollo d’intesa del 2011, con un finanziamento di 80 mila euro che abbiamo già erogato al Comune – dichiara  Enrico Desideri, direttore generale della Asl Toscana sud est – in base a quanto  concordato tra Azienda sanitaria, amministrazione comunale, Provincia, Soprintendenza e Università. Un protocollo che ha l’obiettivo condiviso di definire interventi di manutenzione e riqualificazione dell’intera area del Pionta. Quei lavori, appaltati dal Comune di Arezzo e per i quali abbiamo erogato il finanziamento, ad oggi non sono ancora terminati. Ribadisco che come Asl non ci siamo mai tirati indietro e confermiamo il nostro interesse a portare avanti gli accordi presi”.

Desideri ricorda che nell’accordo di programma sottoscritto nel 2014, era emersa forte la necessità di una gestione condivisa anche della manutenzione ordinaria dell’area, tanto che il Comune si era impegnato a predisporre un progetto annuale per le aree verdi e la viabilità per un massimo di 50 mila euro, compartecipato al 40% da Comune, al 20% dall’Università e al 40% dalla Asl.  

“Ad oggi – continua Desideri – questo progetto è fermo. Stesso discorso per il progetto di illuminazione: ci siamo resi disponibili a cofinanziarlo ma di fatto il progetto che doveva predisporre il Comune non è ancora stato definito”.

Per quanto riguarda la palazzina dietro l’università, cioè la vecchia cucina dell’ospedale psichiatrico, non è ancora definita la sua destinazione d’uso. Al momento è transennata per motivi di sicurezza e sarà comunque cura dell’Azienda Sanitaria pulire l’area circostante.

“La palazzina ex Sert invece – continua Desideri – è destinata a diventare Centro per l’Autismo, grazie ai finanziamenti che dovrebbero arrivare dal Governo attraverso il bando ‘Periferie degradate’. Il Comune ha fatto da tramite per la partecipazione e siamo in attesa di sapere quando arriveranno i contributi. Si tratta di 1 milione e mezzo che permetterebbe di realizzare un  progetto molto importante”.

Desideri ribadisce quindi la massima disponibilità a portare avanti gli  impegni presi in favore di un’area che è fondamentale per la città di Arezzo da un punto di vista sanitario, storico, aggregativo e sociale. “Faremo quanto ci spetta. Lo volevamo fare nel 2011 e ora più che mai  – conclude il direttore generale – nel rispetto degli accordi e delle competenze degli enti firmatari del protocollo”.