Un confronto positivo quello che il direttore generale della Asl Toscana sud est, Antonio D'Urso, ha avuto stamattina con il sindaco di Castel del Piano, Michele Bartalini, sulla situazione della Medicina dello Sport sull’Amiata. 

A conclusione dell’incontro, entrambe le parti hanno manifestato soddisfazione per la soluzione concordata secondo cui la Asl mette a disposizione dei cittadini della zona Amiata Grosseta l’ambulatorio di Medicina dello Sport presso l’ospedale di Castel del Piano, dotandolo delle adeguate tecnologie necessarie per eseguire le visite e fare certificazioni, adesso anche per pazienti maggiorenni che vogliono dedicarsi allo sport agonistico. La programmazione delle attività sarà decisa insieme al direttore della Zona Colline Metallifere-Amiata Grossetana e Grossetana, Fabrizio Boldrini e condivisa in sede di Conferenza dei Sindaci. 

“Abbiamo ascoltato e compreso le istanze degli abitanti del territorio, che il sindaco Bartalini ci ha riportato e valutando l’importanza del servizio, abbiamo deciso di far ripartire l’attività di Medicina Sportiva che riprenderà da metà settembre”- afferma il direttore generale D'Urso.  

“Siamo soddisfatti che il servizio venga mantenuto a Castel del Piano, garantendone in tal modo la prossimità, insieme al centro di riferimento di Abbadia San Salvatore” – commenta Giacomo Termine, presidente della Conferenza Aziendale dei Sindaci.

Oltre al direttore generale, per la Asl erano presenti il direttore di Zona, Boldrini e il direttore staff direzione sanitaria, Roberto Turillazzi, mentre insieme al sindaco Bartalini, c’erano il presidente Unione dei Comuni Amiata Grosseta, Massimo Galli e l’assessore con delega alla Sanità di Castel del Piano, Laura Bartalini.