“Rinnoviamo anche in questa sede istituzionale il nostro impegno per migliorare ulteriormente l’assistenza sanitaria ai cittadini, mantenendo e potenziando il ruolo degli ospedali di Orbetello e Pitigliano, ottimizzando le reti assistenziali territoriali e l’integrazione ospedale-territorio.

Il direttore generale della Asl sud est, Enrico Desideri, incontrando ieri alcuni dei sindaci delle Colline dell’Albegna, a margine dell’iniziativa “Tessere i territori”, ha ribadito i progetti della Direzione per la qualità dei servizi sanitari, sia ospedalieri che territoriali, rassicurando contestualmente i primi cittadini sul futuro degli ospedali presenti sul territorio. Ecco le principali novità emerse durante l’incontro, al quale hanno partecipato i sindaci di Orbetello, di Monte Argentario e di Pitigliano.

Al San Giovanni di Dio di Orbetello, dal primo di maggio è stata attivata l’Unità operativa semplice dipartimentale di Ginecologia, venendo incontro a un'esigenza molto sentita dalla popolazione; entro la fine dell’estate partirà anche l’attività di chirurgia oculistica per gli interventi sulla cataratta, mentre, come più volte ribadito, è stata potenziata l’attività della Pediatria, con la presenza attiva dello specialista in ospedale anche nei weekend, nei festivi e nei prefestivi. Con le recenti delibere per l’assegnazione degli incarichi di vertice per le unità operative, inoltre, sono stati confermati i responsabili che già prestavano servizio a Orbetello, nominando contestualmente anche il direttore del pronto soccorso di Pitigliano.
Al “Petruccioli”, peraltro riconfermato centro di eccellenza regionale per la Medicina integrata, inoltre verrà attivata una proiezione dell’Ortopedia, con attività specialistica ambulatoriale.

Altra novità importante, sul tema dell’integrazione tra ospedale e territorio, riguarda due nuove reti assistenzali: l'attivazione dell'ambulatorio per lo scompenso cardiaco all'ospedale di Pitigliano e quello per la broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) a Orbetello, grazie alla collaborazione tra gli specialisti ospedalieri di Medicina interna e medici di base.

Per quanto riguarda le attività territoriali, prosegue l’iter per la realizzazione della nuova Casa della salute a Orbetello. Sono in corso di perfezionamento le reti delle nuove tecnologie per la telemedicina, che porterà alcuni servizi di natura diagnostica e ambulatoriale più vicini e facilmente accessibili per i cittadini delle zone più lontane e difficili da raggiungere, come ad esempio l’Isola del Giglio.
Un ruolo di primo piano sarà giocato dalle reti cliniche integrate e dai percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali personalizzati a supporto della nuova organizzazione, in collaborazione con i medici di famiglia e con le Aft.

Il presidente dell’Articolazione zonale, Andrea Casamenti, che in questo periodo non ha mancato di farsi portavoce dei cittadini e dell’organismo che presiede, portando all’attenzione della Direzione le tematiche più pressanti per la qualità dell’assistenza ai cittadini, ha apprezzato quanto emerso nell'incontro. Bisogna comunque continuare a lavorare sulle criticità che restano, ha detto, e come Articolazione zonale vigileremo sull'applicazione degli impegni presi dall'Azienda, riunendoci periodicamente per verificare lo stato di attuazione dei programmi.