AREZZO - Un ambulatorio della “Procreazione medicalmente assistita” anche ad Arezzo

Avrà sede all’interno del Consultorio. E’ destinato alle coppie che cercano una gravidanza da almeno un anno

AREZZO – Presentato ad Arezzo l’ambulatorio della Pma (Procreazione medicalmente assistita). E’ dedicato alle coppie che cercano una gravidanza da almeno un anno senza riuscirci. In particolare si occuperà della presa in carico e gestione delle coppie infertili e dei pazienti che vogliono informazioni, esecuzione di tutti gli esami preparatori, compreso dosaggi ormonali, istetoscopie e spermiogrammi. Nell’ambulatorio sarà dato l’avvio alle procedure di PMA da eseguire presso il Centro di Cortona.

L’inizio dell’attività è stato sancito da un incontro che si è tenuto questa mattina nella biblioteca del San Donato.

“Oggi inauguriamo un nuovo ambulatorio della Pma – ha spiegato Enrico Desideri, direttore generale della Asl Toscana sud est - Anche Arezzo, quindi, diventa punto di riferimento per le coppie con difficoltà ad avere figli. Una condizione purtroppo in crescita. Come Azienda siamo orgogliosi del lavoro fin qui svolto, grazie al contributo del responsabile Luca Mencaglia e di tutto il personale coinvolto. La Rete della Pma ha il vantaggio di offrire pari opportunità a tutta la popolazione, uniformità di prestazioni e di servizi, al passo con le tecnologie e la ricerca scientifica. A gennaio partiremo anche all'ospedale di Nottola”.

“L’apertura dell’ambulatorio PMA di Arezzo è di straordinaria importanza per la localizzazione strategica in una delle più importanti città della Toscana - ha spiegato il responsabile aziendale della Rete Pma, Luca Mencaglia - I cittadini potranno finalmente essere presi in carico per le prestazioni direttamente nel consultorio di Arezzo e lì svolgere tutta la parte di preparazione, inclusi i monitoraggi della ovulazione. Prelievo degli ovociti e transfer saranno nell’Hub di Cortona, ma fatti dagli operatori di Arezzo. La Rete PMA della Usl Sud Est, prima rete pubblica in Italia, si completa di una casella importante, portando  a cinque, oltre a Cortona, le strutture operative su tutto il territorio (Cortona, Grosseto, Campostaggia, Montevarchi, Bibbiena e Arezzo)”.

“Un segnale di forte attenzione verso le coppie con problemi ad avere figli – ha commentato il direttore sanitario Simona Dei – e in particolare verso le donne, compresi quei casi di difficoltà dovute a malattie. Grazie ai nostri professionisti e alle loro competenze, anche ad Arezzo sarà possibile iniziare il percorso per la Procreazione medicalmente assistita con un ambulatorio che lavora a stretto contatto con il Centro della Fratta. E’ bello dare notizia di questa nuova opportunità proprio nei giorni del Natale e della Natività. Che sia di buon auspicio a tutti coloro che desiderano diventare genitori”.

“Ogni volta che si apre un servizio in più per i cittadini è sempre una buona notizia – ha commentato il sindaco Ghinelli – Pertanto, il fatto che le famiglie aretine possano avere una prima risposta al loro desiderio di genitorialità nella loro città è positivo. Desidero comunque portare uno spunto di riflessione: il supporto legittimo per le famiglie che hanno necessità di un accompagnamento nella ricerca di un figlio non si trasformi in accanimento terapeutico, da evitare sia nella fase terminale che in quella iniziale della vita. La medicina aiuta e sostiene, facilita i percorsi anche legati alla fertilità, ma non trasformi ciò che è un legittimo desiderio in un percorso troppo doloroso”.

L’onorevole Donella Mattesini, da sempre impegnata in prima linea su queste tematiche, ha inviato un messaggio non potendo essere presente per impegni al Senato. “I dati parlano chiaro: dicono che il numero di persone con problemi di infertilità e sterilità è in continua crescita. E’ quindi importante che il servizio pubblico offra spazi che consentano di accedere ad una corretta informazione sui problemi della procreazione e sulle possibili soluzioni. Con l’apertura di questo servizio anche nella città di Arezzo, la Asl Toscana sud est si prende cura di un momento importantissimo della vita delle persone, che talvolta può provocare dolori e disagi, accorciando i tempi di presa in carico e creando un valido sostegno alla genitorialità”.

L’ambulatorio della PMA si trova nei locali del consultorio in viale Cittadini n. 33/17 ad Arezzo e sarà aperto alle coppie il giovedì dalle 9 alle 13. L’appuntamento può essere prenotato dal lunedì al venerdì direttamente al consultorio o chiamando lo 0575 255829 in orario 8-12. L’attività partirà a fine gennaio.

Negli ultimi decenni, le coppie occidentali hanno posticipato progressivamente la decisione di avere un figlio e questa è una delle cause di infertilità. La fertilità femminile, infatti, è al suo picco trai 23 e 31 anni. La possibilità di avere una gravidanza si riduce del 3% all'anno dai 31 ai 34 anni e dell'8% a 39 anni. Sono quindi fondamentali la consapevolezza della propria fertilità, una diagnosi precoce e un accesso veloce ai servizi di procreazione medicalmente assistita per aumentare le possibilità di avere figli.