In seguito ad alcuni casi di intossicazione da funghi, la Asl ricorda il servizio gratuito di consulenza offerto ai cittadini 

AREZZO – “Non consumate i funghi se non li conoscete, fate sempre riferimento allo sportello micologico della Asl nella vostra zona”. In seguito ad alcuni casi di intossicazione da funghi avvenuti nel territorio della Asl Toscana sud est, l’Azienda ricorda che gli sportelli micologici resteranno aperti fino al 20 dicembre.

L’unica regola per individuare una specie commestibile da una tossica è la conoscenza scientifica. Per questo, da anni gli sportelli micologici aperti alla Asl mettono gratuitamente a disposizione gli esperti per controlli e consulenze. Non fidatevi delle foto riprodotte su Internet, dei consigli dei falsi esperti, delle dicerie popolari e non consumate mai ciò che non si conosce. In caso di dubbi su aspetto, colore, odore, se non sono note età e modalità di conservazione dei funghi, è necessario farli controllare presso gli sportelli.

Attenzione particolare al consumo di funghi da parte dei bambini. A lorobastano dosi ridotte per provocare effetti dannosi sull'organismo e l’intossicazione, oltre a provocare uno stress emotivo, causa reazioni delle tossine più marcate. Il consiglio è quindi di non somministrare funghi di qualsiasi specie commestibile a bambini, almeno fino ai 12-14 anni. 

In provincia di Arezzo, gli sportelli micologici sono aperti nei seguenti giorni ed orari:


Valdarno: ospedale della Gruccia (Montevarchi) – lunedì, mercoledì,  venerdì dalle 12,30 alle 13,30 (tel 055 9106381 e 055 9106303)

Arezzo: ospedale San Donato – lunedì, mercoledì, venerdì dalle 11 alle 13 (tel 0575 2559640575 2559650575 255972)

Valdichiana: Distretto di Camucia – solo su appuntamento (tel 0575 6393690575 639953)

Casentino: Distretto di Poppi, solo su appuntamento (tel 0575 568456 e 0575 568440)

Valtiberina: Distretto di Sansepolcro – lunedì, mercoledì, venerdì dalle 12 alle 13 (tel. 0575 7579620575 7579660575 757959).