La risposta del direttore generale Desideri al sindaco Chiassai

MONTEVARCHI - “Nessun depotenziamento dell’Oncologia, nessun reclamo da parte dei cittadini, nessun evento segnalato dagli operatori della Gruccia. Questi i dati della Asl. Detto ciò, siamo a disposizione della sindaca Chiassai per un incontro finalizzato a fare chiarezza sull’Oncologia del Valdarno e sulle segnalazioni allarmistiche che il Comune dichiara di aver ricevuto”.

Dopo l’intervento dei giorni scorsi del presidente del Calcit Valdarno, Piero Secciani, anche il direttore generale della Asl Toscana sud est Enrico Desideri risponde al sindaco di Montevarchi, Silvia Chiassai, per rassicurare la cittadinanza valdarnese sulla situazione dell’Oncologia alla Gruccia.

Relativamente ai reclami, l’Urp (Ufficio Relazioni con il Pubblico) non ha ricevuta alcuna segnalazione di disagi, così come è garantita al massimo la sicurezza e la qualità delle cure nel reparto, tanto che non risultano segnalazioni nei registri Asl. Si tratta di dati che, d’altra parte, vengono condivisi periodicamente nella conferenza dei sindaci.

“Non si possono negare fatiche organizzative e situazioni improvvise, che possono mettere in difficoltà il reparto – continua Desideri – ma facciamo il possibile per trovare subito le soluzioni: nei giorni scorsi (il 3 ottobre per l’esattezza) una oncologa del reparto ha accettato il trasferimento a Siena per un contratto a tempo indeterminato. L’Azienda si è mossa subito per individuare una sostituta, il cui arrivo è previsto nei prossimi giorni”.

Il fatto che non risultino reclami dai cittadini, dimostra la complicità e l’impegno che viene riconosciuto all’Azienda per creare le condizioni migliori da un punto di vista tecnico ma anche della qualità dell’assistenza..

Il direttore generale prende atto delle dichiarazioni del sindaco Chiassai, anche se non è chiaro quali siano le fonti e i dati da cui attinge il primo cittadino, e sottolinea la disponibilità della Direzione Aziendale ad un incontro, anche con le associazioni, se questo può servire a fare chiarezza e a dare il quadro reale della situazione.