In Valdarno si sta espandendo il progetto della Asl Toscana sud est destinato ai soggetti fragili. Il caso di Pergine

PERGINE VALDARNO – Dal mese di marzo il progetto dell’Odontoiatria sociale si espanderà in tutte le RSA del Valdarno e avrà un’appendice particolare a Pergine: lì, infatti, coinvolgerà i grandi anziani direttamente al loro domicilio.

L’Odontoiatria sociale è un progetto innovativo attuato dalla Asl Toscana sud est e coordinato da Alessandra Romagnoli. In questo caso trova una forte collaborazione nella Zona Distretto Valdarno, diretta da Evaristo Giglio.

“Nel pieno rispetto della delibera della Regione Toscana numero 426/2014, sta per partire il progetto per potenziare l’assistenza odontoiatrica nei soggetti fragili – spiega Romagnoli - Dopo aver affrontato la prevenzione nei ragazzi, andando direttamente nelle scuole, con ottimi risultati tra l’altro, è il momento di porre attenzione alla prevenzione delle malattie del cavo orale negli anziani delle RSA e nei grandi anziani, per loro direttamente a casa. Questa ultima attività la facciamo a Pergine, per adesso, in fase sperimentale, partendo da un piccolo Comune con grande numero di anziani. Ringrazio Evaristo Giglio per il lavoro svolto e i medici di medicina generale che daranno il loro contributo perché conoscono la popolazione e chi ha particolari esigenze”.

Il progetto è stato presentato nei giorni scorsi alla conferenza dei sindaci del Valdarno, riscuotendo il consenso dei primi cittadini. In Italia, appena il 40% della popolazione cura i denti in modo corretto, mentre il 60% non accede all’ambulatorio del dentista, né nelle strutture pubbliche né in quelle private.