AREZZO - La salute nei bambini, ad Arezzo relatori di fama internazionale

Domani al San Donato è in programma un convegno aperto anche al pubblico

AREZZO – Domani, sabato 7 ottobre dalle 8 alle 14, presso l'Auditorium del San Donato di Arezzo verranno affrontati temi di grande rilevanza per la salute pubblica in Pediatria, con relatori di fama internazionale.
Verranno trattate le problematiche metaboliche dell'infanzia con riflessi e ricadute per tutta la vita: il diabete nel bambino sia nella forma diabete tipo 1 che nella forma diabete tipo 2; la problematica del fegato grasso del bambino obeso e l'inquadramento delle iperlipidemie del bambino.
Il dottor Lorenzo Lenzi del Centro diabetologico del Meyer presenterà un aggiornamento sui nuovi regimi di trattamento del diabete mellito del bambino: è noto oramai che il miglioramento della regolazione glicemica nel diabete fin dal suo esordio ha dei riflessi importantissimi sulla salute dell'età adulta, prevenendo in particolare l'insorgenza di  complicazioni cardiovascolari.
Di grande rilevanza sono gli studi del professor Valerio Nobili dell'Università La Sapienza di Roma e direttore dell'Unità operativa di malattie epato-metaboliche del Bambin Gesù di Roma sulle cause e trattamento della steatosi epatica, ovvero del fegato grasso. Con la sua equipe ha contribuito ad individuare nell'eccesso di assunzione di fruttosio la  causa di questa malattia, che in maniera preoccupante si sta diffondendo nei paesi sviluppati. La malattia è reversibile se viene riconosciuta e trattata in tempo, altrimenti tende  a progredire in fibrosi epatica e cirrosi.
Di grande interesse anche l'inquadramento delle iperlipidemie familiari fatte dal dr  Andrea Bartuli del Bambin Gesù di Roma. Sebbene la maggior parte delle iperlipidemie del bambino riconosce una causa nutrizionale, esiste una categoria di bambini affetti da forma genetica. Parteciperanno all’incontro i pediatri di tutta l’Ausl Toscana sud est, ma è aperto anche ai cittadini.
L’evento ha il patrocinio dell’associazione diabetici aretini (Ada).