AREZZO - Inaugurata alla Fratta l’Agenzia per la continuità tra ospedale e territorio

La struttura garantisce ai pazienti in dimissione da un reparto ospedaliero la continuità terapeutica e assistenziale

CORTONA – Inaugurata la sede dell’ACOT all’ospedale della Fratta. Si tratta dell’Agenzia per la continuità tra ospedale e territorio, cioè la struttura che garantisce ai pazienti in dimissione da un reparto ospedaliero la continuità terapeutica e assistenziale nel territorio. ACOT sarà aperta da gennaio nelle mattine di lunedì, mercoledì e venerdì.

“L’invecchiamento della popolazione registrata negli ultimi decenni ha generato un aumento delle malattie croniche – ha spiegato Enrico Desideri, direttore generale della Asl Toscana sud est - Si è assistito a fenomeni che hanno reso sempre più complessa l’assistenza alla persona non autosufficiente, in particolar modo al momento della dimissione ospedaliera di pazienti con bisogni sociosanitari complessi e che necessitano di continuità delle cure. Con l’ACOT, un team multidisciplinare definisce insieme al medico di medicina generale e alla famiglia il percorso assistenziale più appropriato per il paziente in condizioni di fragilità, attraverso un pacchetto individualizzato di servizi che risponde a bisogni specifici, sia a domicilio che in assistenza residenziale”.

“L’ACOT zonale – ha spiegato Anna Beltrano, direttore del Distretto - è costituita da una equipe permanente multi professionale. Sono coinvolte Lucia Testini (dirigente medico ASC, responsabile Acot), Cecilia Giannelli (assistente Sociale), Paola Tiezzi (infermiera) e Sandra Scali, fisioterapista e direttore della Riabilitazione funzionale. Acot è integrata dal medico di famiglia, che è il responsabile clinico del paziente stesso”.

All’inaugurazione erano presenti anche alcuni sindaci della vallata, che hanno accolto positivamente la sede dell’ACOT.