AREZZO - Centro per l’autismo, progetto da 2 milioni di euro

Presentazione ieri alla Casa Dritta. Il direttore sanitario della Asl Simona Dei: “La sfida è affiancare questi ragazzi in ogni fase della loro vita”
AREZZO – Ad Arezzo inizia con un progetto concreto la settimana dedicata alla “Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo”. E’ stato infatti presentato ieri nei locali della Casa Dritta il progetto del Centro per l’Autismo che sorgerà all’interno del Colle del Pionta, vicino alla stazione, all’ospedale e al polo formativo della Asl. La posizione è strategica perché favorisce il collegamento tra famiglia, scuola, risorse del territorio e terapisti.
“Noi famiglie ci siamo e vogliamo essere parte attiva del progetto - ha detto Andrea Laurenzi, presidente dell’associazione Autismo Arezzo –Auspichiamo un ruolo importante nella condivisione delle iniziative, della formazione e degli interventi nella scuola, nel lavoro e nelle attività sociali a sostegno delle famiglie.”
Come ha spiegato il neuropsichiatra Luciano Luccherino, la nuova struttura non sarà solo un luogo di accoglienza e di terapia, ma anche di ricerca e di confronto di esperienze, per sperimentare nuove strade di approccio alla malattia.
“Nella nostra Asl sono 450 i ragazzi diagnosticati con lo spettro autistico – ricorda il direttore sanitario Asl Toscana sud est, Simona Dei - Il nostro obbiettivo è affiancare la loro vita in tutte le fasi grazie al coinvolgimento di scuole, famiglie, associazioni e istituzioni. La sfida è una diagnosi precisa e precoce, prima ancora dell’età scolare, così da poter intervenire subito con una terapia individuale e poi con l’inserimento nel gruppo”.
“Questa amministrazione sta ponendo la sua attenzione sui soggetti deboli – afferma Lucia Tanti, assessore al sociale del Comune di Arezzo – L’alleanza con le famiglie è una nostra priorità, ne è una dimostrazione quanto stiamo facendo per i malati di Alzheimer, per chi deve sottoporsi quotidianamente a dialisi e ora l’autismo. A breve dovrebbero essere confermati i finanziamenti ministeriali per la realizzazione del Centro”.
Il progetto della ristrutturazione dell’edificio è stato illustrato dall’ingegnere Asl Fabio Canè. La nuova struttura avrà una superficie di quasi 1000 mq, disposta su due piani per dividere gli ambienti dedicati agli adulti da quelli per i bambini. Sono previsti ambulatori medici, locali per terapie di gruppo, attività educative, locali dedicati alla terapia neuropsicomotoria, mensa, cucina e servizi igienici. Il costo per la realizzazione è di 2 milioni di euro e sarà sostenuto da Asl e Comune di Arezzo. I tempi previsti per i lavori sono stimati in 18 mesi.