Le opere del Centro diurno del Dipartimento di salute mentale in mostra al palazzo della Provincia
AREZZO – “Metamorfosi dell’Anima” è la mostra di FotoArteTerapia allestita nell’atrio del palazzo della Provincia dal Centro diurno interpersonale del Dipartimento di Salute Mentale di Arezzo. Sarà inaugurata venerdì prossimo 26 ottobre a partire dalle 16. E’ stata realizzata in collaborazione con l’associazione “Vivere insieme”, il “Centro Basaglia”, il Comune e la Provincia, Unicoop di Arezzo e durerà fino al 18 novembre.
Il titolo della mostra richiama “un comune e personale viaggio in-tras-formazione” ideato e condotto dalla fotografa Rita Carioti, durante il tirocinio del Corso in Arteterapia svolto al Centro diurno. L’Arteterapia è uno strumento che favorisce le dinamiche per un concreto cambiamento interiore ed esteriore, oltre ad essere uno straordinario strumento di crescita.
L’utente, tramite l’utilizzo dei materiali artistici e la dinamica creatività, si inoltra in una articolata ricerca esteriore ed introspettiva dell’immagine del sé. Un lungo e variegato viaggio esperienziale concreto ed immaginario, che lo porta, tramite la riflessione il confronto e il rispecchiamento, ad una differenziata visione del proprio essere e ad una maggiore consapevolezza del sé e del possibile altro.
Gli utenti del Centro hanno realizzato numerose opere artistiche che sono state raccolte in questa mostra che, a 40 anni dalla legge Basaglia, vuole essere un omaggio a Franco Basaglia, quale pioniere e convinto sostenitore dell’Arteterapia.
“Lo scopo - spiega Alessandra Guidi, educatore professionale del dipartimento di Salute Mentale - non è solo quello di far conoscere passivamente le suggestioni che regala il potente strumento comunicativo dell’arte, ma mettere attivamente in relazione e condivisione le emozioni tra gli utenti e i visitatori della mostra. Per questo, durante il periodo di esposizione sono previsti laboratori gratuiti di Arteterapia”.
Il giorno dell’inaugurazione, la mostra sarà introdotta alle ore 16 da una tavola rotonda con autorevoli relatori che parleranno del rapporto tra Salute Mentale e Arteterapia, sottolineando il determinante contributo che essa garantisce agli utenti come cura e sostegno in molti ambiti, specialmente nel disagio mentale. Dopo il taglio del nastro è in programma la proiezione di video dei laboratori creativi realizzati.
Inoltre, nei giorni di sabato 27 ottobre e venerdì 9 novembre alle ore 16:30 si terranno i Laboratori di Arteterapia gratuiti e aperti al pubblico, condotti rispettivamente da Rita Carioti e Marco Tulli. I laboratori sono a numero chiuso e potranno partecipare al massimo 15 persone. Per motivi organizzativi è richiesta la prenotazione tel. 333 1153376.